Biografia

Riccardo Bisatti (Novara, 2000), pianista e direttore d'orchestra, si è diplomato in pianoforte con il massimo dei voti e la lode al Conservatorio "Cantelli" di Novara con i M.i Alessandro Commellato e Renato Principe, perfezionandosi anche in fortepiano e clavicembalo. Prosegue gli studi di direzione d'orchestra al Conservatorio "G. Verdi" di Milano sotto la guida del M. Daniele Agiman, dopo aver studiato con il M. Matteo Beltrami nella sua città natale. È Direttore ospite principale dell'Orchestra Sinfonica Rossini di Pesaro dal 2024.
Ha partecipato a numerose e prestigiose masterclasses di perfezionamento, sia di pianoforte che di direzione d’orchestra, tenute da Fabio Luisi, Maria Grazia Bellocchio, Roustem Saïtkoulov, Ulrike Hofmann, Alexei Lubimov, Simone Pedroni, Jeffrey Swann, Roberto Prosseda, Simone Bernardini, Maurizio Baglini, Pietro De Maria, Emilia Fadini, Filippo Gorini, Marc Bouchkov, Alessandro Torbianelli.
Selezionato da Divertimento Ensemble, dal 2016 al 2021 ha partecipato al "Call for Young Performers", masterclass di musica contemporanea con Maria Grazia Bellocchio, lavorando anche con i compositori Luca Mosca, Marco Di Bari, Stefano Gervasoni e Alessandro Solbiati.
Ha partecipato a numerosi concorsi nazionali ed internazionali vincendo svariati primi premi fra cui il VII° Concours International de piano junior di Orléans con Premio di eccellenza, lode e menzione della giuria e Premio speciale per la migliore esecuzione del brano commissionato per l’occasione, il Premio delle Arti di direzione d'orchestra 2022, il Premio Serbian National Theatre - Novi Sad al IX Concorso Internazionale per direttori d'opera "Luigi Mancinelli", il Concorso Nazionale Pianistico “Giulio Rospigliosi".
Nel 2017 ha ricevuto, come riconoscimento al talento, la prestigiosa medaglia della Camera dei Deputati.
Ha suonato per importanti festival ed associazioni, tra cui, il Lille Piano Festival, il Festival dei Due Mondi di Spoleto e Casa Menotti, Milano Classica, Museo del Teatro alla Scala, Rondò di Divertimento Ensemble, Trieste Prima, Accademia Filarmonica Romana, Festival Brin d’herbe di Orléans Concours International, Musica con le Ali, Amici della musica di Modena, Viotti Festival Vercelli, Fondazione Teatro Coccia Novara, MICO (Musica insieme contemporanea Bologna), Istituto italiano di cultura di Oslo, Società dei concerti di Milano, Bologna Modern, Accademia Internazionale in Liechtenstein, BA Classica, Alagna Music Festival.
Nel 2017 esegue un recital a Villa Bossi a Bodio Lomnago su tre strumenti di differenti epoche. Nel 2018 come vincitore del Concours International de piano junior di Orléans suona al Théâtre des Bouffes du Nord a Parigi. Nel 2018 suona in duo con il M°. Alessandro Commellato al fortepiano e al clavicembalo. Nel 2018 viene invitato a tenere un recital al Frac Centre di Orléans per le Journées Européennes du patrimoine. Nel 2018 partecipa al workshop su György Kurtág tenuto dal M°. Olivier Cuendet al Pirelli Hangar Bicocca di Milano.
Debutta come direttore d'orchestra a 18 anni con "La serva padrona" di Pergolesi. Successivamente dirige "Bastien und Bastienne" di Mozart, "Il Barbiere di Siviglia" di Rossini (Fondazione Teatro Coccia Novara), "Cendrillon" di P. Viardot (Teatro dell’Opera Giocosa Savona), "Kiki de Montparnasse" di A. Mannucci (prima esecuzione italiana presso il Conservatorio di Novara). Nel 2021 ha diretto "Acquaprofonda" di Giovanni Sollima in una produzione AsLiCo che è andata in tour in molte città (Como, Cremona, Reggio Emilia, Lugano, Milano, Messina), vincendo il Premio Abbiati 2022 "Filippo Siebaneck". Nel 2022 ha diretto il "Pierrot Linaire" di Schoenberg a Novara e Milano e una produzione della "Cenerentola" di Rossini per AsLiCo OperaDomani a Como, Modena, Fermo, Ascoli Piceno e Fano. Nell'autunno del 2022 ha fatto un sensazionale debutto sul podio de I Pomeriggi Musicali dirigendo la produzione di "Don Giovanni" di Mario Martone per OperaLombardia (Como, Pavia, Brescia e Cremona), un trionfo che ha portato la critica a parlare di lui come una delle migliori scoperte direttoriali degli ultimi anni. Successivamente è stato invitato a ricoprire il ruolo di "direttore in residence" presso il Teatro Regio di Torino, dove si è occupato della preparazione musicale dei giovani artisti del Regio Ensemble e ha diretto prove e rappresentazioni del "Barbiere di Siviglia" e della "Fille du régiment". Nell'ambito di questo incarico, gli è stata affidata la direzione musicale delle nuove produzioni di "Powder her face" di Thomas Adès e "Bastiano e Bastiana" di Mozart, oltre che di un concerto di sinfonie e cori verdiani per il 50° anniversario dell'inaugurazione del nuovo Regio.
Nell'estate 2023 ha diretto l'Orchestra del Teatro Regio di Torino in una serie di concerti sinfonici nella Corte di Palazzo Reale a Torino. Ha debuttato inoltre sul podio dell'Orchestra Regionale della Toscana e ha diretto il famoso "Concerto all'alba" del Ravello Festival con l'Orchestra del Teatro Verdi di Salerno. Inoltre è stato invitato a dirigere un programma intorno alla figura di Rossini per il festival "Il Belcanto ritrovato" sul podio dell'Orchestra Sinfonica Rossini di Pesaro. A settembre 2023 ha debuttato nel festival MiTo Settembre Musica dirigendo un concerto con voce recitante insieme all'attrice Licia Maglietta. Ha debuttato sul podio dell'Orchestra Haydn di Bolzano e Trento e ha diretto una nuova produzione di "Un mari à la porte" di Offenbach al Teatro Regio di Torino. Nel novembre 2023 ha diretto l'Orchestra del Teatro Bellini di Catania in un concerto sinfonico dedicato a Gershwin e a dicembre dello stesso anno ha debuttato sul podio dell'Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino. A gennaio 2024 ha diretto una nuova produzione di "Der Kaiser von Atlantis" di Ullmann per la Fondazione Arena di Verona. Ad aprile 2024 ha debuttato nella stagione sinfonica dell'orchestra I Pomeriggi Musicali al Teatro Dal Verme di Milano e sul podio dell'Orchestra Filarmonica di Benevento in un concerto insieme a Elio di "Elio e le storie tese" come voce recitante. In maggio 2024 dirige l'Orchestra Regionale della Toscana per l'86° Festival del Maggio Musicale Fiorentino.
Le sue esecuzioni sono state trasmesse da varie emittenti tra cui Rai Radio 3, Rai 5, Radio Classique France. Inoltre la trasmissione "Mestiere Teatro" di Paolo Gavazzeni su Sky Classica HD gli ha dedicato una puntata.
La sua passione per la musica da camera lo ha portato anche a suonare con importanti solisti dei Berliner Philarmoniker, della London Symphony Orchestra, della Bayerisches Staatsorchester e della Staatskapelle Berlin. Nel 2021 fonda il Goldberg Piano Trio con Anna Molinari (violino) e Lucia Molinari (violoncello), naturale frutto dell’intensa amicizia e collaborazione musicale e l’“Ensemble Iri da Iri”, con l’obiettivo di eseguire il repertorio cameristico più vario con particolare attenzione al Novecento italiano.
Nel 2023 è stato inserito dalla rivista Fortune Italia fra i "40under40" più influenti nella cultura italiana.



Photo: Mario Finotti